top of page
  • Facebook
  • Instagram
  • busta

La lettera di Vermeer

L’interno di una stanza, un momento di vita, l’intima e ordinaria convivenza di due donne. A interrompere la quotidianità è l’introduzione dall’esterno di un elemento imprevisto, la lettera. Johannes Vermeer (Delft, 1632 – 1675) ferma la scena nell’attimo in cui la domestica offre la missiva alla signora vestita di ocra che a sua volta porta una mano al viso in segno di stupore.

Johannes Vermeer, “Mistress and Maid”, olio su tela, 1665-1667, olio su tela, Frick Collection, New York

La giovane sembra accompagnare la lettera con alcune parole ascoltate con interesse dalla donna. Qual è la notizia? Quale segreto si nasconde nelle parole?

Il tema della lettera non è una novità nella pittura del Seicento, anzi si tratta di un soggetto popolare, ma il mistero di cui si nutre questo dipinto è solo di Vermeer, del suo modo di guardare il mondo.

La pittura di Vermeer si mostra nella composizione, quasi una scena di teatro, nella relazione degli sguardi, nella resa della materia così vera, nei dettagli minuziosi ed enigmatici, nella luce che illumina le zone buie e guida la nostra lettura.

In primo piano la signora è impreziosita da numerose perle bianche, un giro attorno al collo, un orecchino a goccia, un decoro per l’acconciatura. Gli storici dell’arte ci fanno sapere che non si tratta però di perle autentiche, davvero troppo costose per chiunque, ma di perle di vetro (vedi anche la celebre ragazza con l’orecchino di perla). Sopra il tavolo, ricoperto da una tovaglia blu (verde in origine probabilmente), gli strumenti per scrivere, un bicchiere e una scatola in legno. L’oscurità dello sfondo non corrisponde all’originale: gli studi scientifici hanno rivelato uno sfondo verde che ha mutato colore nel tempo. Resta però l’idea di uno sfondo essenziale per fare emergere le due figure e la lettera.

Johannes Vermeer, “Mistress and Maid”, olio su tela, 1665-1667, Frick Collection, New York

L’opera è esposta fino al 4 giugno al Rijksmuseum di Amsterdam nella mostra evento 2023 dedicata a Vermeer.


Con occhi attenti è l'appuntamento con i capolavori dell’arte.

Si tratta di brevi storie visive. Al centro alcuni dipinti scelti per la loro unicità e contemporaneità. Il desiderio è sempre lo stesso - condividere la bellezza - a cui si unisce la necessità di tornare alle nostre radici storico-artistiche perché anche l’arte di oggi, l’illustrazione, possa essere compresa e sostenuta da occhi attenti.


Silvia Paccassoni per Dorature. Storie di illustrazione - 2023

© riproduzione riservata

Comments


bottom of page